FESTA DELLA MAMMA

Pubblicato il da scanazzatu

 

                                                Festa mamma

Auguri, madre mia.    

                                       Mi sei mancata,

                                       nel tempo lontano

                                       della fanciullezza,

quando inutile

era cercare,

un dolce sguardo,

di conforto.

                                                Quando di notte,

                                                piangendo per paura,

                                                al buio aspettavo,

                                                inutilmente una

                                                tenera carezza.

 

CRISANTEMI  Mi sei mancata,

                                                                             nell'adolescenza,

                                                                              quando avrei voluto

                                                                              dirti tante cose,

                                                                              parlarti delle prospettive,

                                                                              della ragazza 

                                                                              appena conosciuta,

o delle problematiche

di scuola,

ma ero imbavagliato

dall'indifferenza.

 

                                                                             Mi sei mancata,

                                                                             nella vita quotidiana,

                                                                             assente, sempre presa

                                                                             da te stessa, vivevi

                                                                             chiusa in un mondo 

                                                                             tutto a parte.

 

Festa mamma 2 Mi manchi adesso

                                                                                    che sei andata

                                                                                    via per sempre,

                                                       almeno posso 

                                                       consolare il cuore,

                                                                                    giustificando

                                                                                  la tua assenza.

 

                                                                Auguri, madre mia.

 

Commenta il post

benedetta 05/08/2011 23:12


Che dire Antonino, una poesia semplicemente stupenda. Mi sono commossa.
Hai rivisitato antiche sofferenze di un fanciullo che chiedeva carezze, calore, amore e con lo sguardo di persona matura hai trasformato quel dolore innocente in perdono e amore per una figura
materna che hai sempre trattenuto nel tuo cuore. L'amore viscerale tra madre e figlio, al di là della realtà contingente, delle difficoltà esistenziali è un legame che non si può spezzare perchè è
troppo forte e radicato.La tua poesia è intrisa di accorata malinconia e di dolcezza ed il sentimento che esprime ci dà la misura di quanto amore per Lei vi sia ancora nel tuo animo. E questo,
Antonino, ti permette di volgere lo sguardo al passato con pacatezza, senza rancore, perchè ciò che salva sempre, come tu sai, è soltanto l'Amore.E tu ce ne dai una fiera testimonianza.
Grazie, davvero grazie, per la grandissima emozione che mi hai suscitato con questa tua bellissima poesia.
Ti sono amica.


scanazzatu 05/09/2011 00:13



Cara Benedetta, la vita non sempre è facile, non lo è stata, ma il tempo riesce  in parte ad affievolire dolorosi ricordi, anche se può capitare che a volte ritornino. Adesso non c'è più
posto per sentimenti negativi, solo rimpianto per ciò che poteva essere e non è stato. Pazienza così è questa strada che ci tocca di percorrere.


Un abbraccio



semplice-Vera 05/08/2011 14:58


statidell'essere o statidell'anima..sono la stessa identica cosa...si è solo se c'è anima...se c'è anima si è!
Vera ;)


semplice-Vera 05/08/2011 14:56


Antonino...mi rispecchio totalmente in questa tua splendida poesia..anch'io ho avuto carenze affettive da parte della mamma. So per certo che mi adorava e che mi amava come solo ogni madre è
capace..solo non riusciva a comunicarmelo. Prigioniera di suoi convincimenti e verità, credeva che lasciarsi andare a tenerezze facesse vacillare la sua autorevolezza. E così, seppi da mio padre,
il quale invece non si risparmiava a dimostrare nei fatti e nei gesti il suo amore, che lei, a noi figli, ci faceva le carezze e ci raccontava le favole, mentre dormivamo.
Questo non me l'ha fatta amare di meno..e le sono grata anche, perchè io sono stata attentissima con mio figlio, colmandolo di amore senza limiti nè riserve.
Un abbraccio
Vera


scanazzatu 05/09/2011 00:06



Sicuramente potrai capire il mio stato d'animo, ma devo confessarti che tu sei stata molto


più fortunata. 


L'unica cosa che mi dispiace  adesso  è il riaffacciarsi ancora dentro di ricordi non 


certo piacevoli.


Comunque, va bene lo stesso.


Un caro abbraccio



statidellesere 05/07/2011 14:04


Scusa per il commento di prima, avevo sbagliato a scrivere il mio nick.
Sono ancora alle prime armi. Ciao


statidellanima 05/07/2011 13:59


Ci sono dolori che anche il tempo difficilmente riesce a lenire, crediamo di averli rimossi ma ecco che, all'improvviso, riaffiorano.
Bella poesia, anche se profondamente triste.


scanazzatu 05/08/2011 23:56



Sicuramente vero ciò che scrivi, a volte cerchiamo di dimenticare senza riuscirci del tutto.


Ciao