La solita storia

Pubblicato il da S C A N A Z Z A T U

 

 

Eccoci di nuovo 

a contare i morti,

una cosa che 

ci riesce bene,

alla quale siamo 

ormai abituati,

cambia solo lo scenario: 

Liguria, Toscana, Sicilia, 

Campania, Abruzzo.

Il dolore invece no, 

sempre lo stesso,

intenso, schiacciante, 

colpisce chi ha avuto

sottratti gli affetti, 

da una calamità,

ritenuta naturale, 

o dalla solita incuria,

di chi ha l'onere, 

di fare in modo

che questo non avvenga,

anche questa una calamità,

perchè non ci sarà

chi per tutto ciò

alla fine pagherà.

Eccoci di nuovo

intorno a quelle bare,

solo qualche

lacrima di circostanza,

un fiore posato,

in fretta prima di andare,

la fiera dell'ipocrisia

offerta da chi sa solo parlare, 

badare  a se stesso,

senza conoscere 

la parola governare,

dimenticando chi, 

nella tragedia,

ha perso pezzi 

del suo cuore.

Eccoci di nuovo, 

tutti andare avanti,

incontro a un altro giorno,

sperando che questo 

possa cambiare,

che questa funerea conta,

possa cessare.

Con tag Il mio pensiero

Commenta il post

semplice1 11/01/2011 15:01


Che tristezza... ancora una volta! E ancora una volta tristemente si registra una tragedia annunciata. Non è colpa delle piogge torrenziali,del clima che impazzisce senza un perchè..purtroppo,
quasi sempre è colpa degli uomini che straziano e violentano il territorio in nome di interessi che pagano a carissimo prezzo solo poveri cristi. Impareremo?..Chissà, ogni volta nell'immediato
pensiamo sia possibile, poi...si dimentica, altro giro altra corsa.


semplice1 11/01/2011 15:01


Che tristezza... ancora una volta! E ancora una volta tristemente si registra una tragedia annunciata. Non è colpa delle piogge torrenziali,del clima che impazzisce senza un perchè..purtroppo,
quasi sempre è colpa degli uomini che straziano e violentano il territorio in nome di interessi che pagano a carissimo prezzo solo poveri cristi. Impareremo?..Chissà, ogni volta nell'immediato
pensiamo sia possibile, poi...si dimentica, altro giro altra corsa.


S C A N A Z Z A T U 11/02/2011 21:38



E' proprio così, oggi piangiamo ma domani avremo già dimenticato tutto, fino alla prossima calamità. La cosa più terribile è che nessuno paga mai per quese morti.



lucia baciocchi 10/31/2011 21:33


Hai tutta la mia comprensione e solidarietà in questa visione di quanto è accaduto, ancora una volta si piange di fronte alle vittime innocenti, con la speranza che il loro sacrificio non sia stato
vano.
Con stima ed amicizia
Lucia


S C A N A Z Z A T U 11/02/2011 21:40



Purtroppo piangere serve a ben poco, dovremmo cominciare a mandare a casa tutti i cialtroni che ci governano, che hanno sulla coscenza tutti questi morti.