V i v e r e ?

Pubblicato il da S C A N A Z Z A T U

 

 

Giorno, notte, 

fa ancora differenza ?

Hai deciso di viver non vivendo.

 

I giorni si susseguon sempre uguali

nella piatta monotonia dell'esistenza,

nel vano tentativo  di colmare

il grande vuoto che hai dentro.

 

Le notti, spesso insonni, passate

chiusa nel buio di una stanza,

distesa su di un letto, 

enorme, quasi immenso,

stille di solitudine bagnano il cuscino,

in bocca il gusto amaro del rimpianto.

 

Solo un sogno a farti compagnia,

in questa veloce corsa degli anni,

in questa vita che scivola addosso,

l'offuscata visione di un volto,

il desiderio di lasciare tutto,

correrre  fra le sue braccia........

 

Ma la paura troppo forte,

quasi paralizza un corpo,

che ancora vuole dare,

paura di correrre verso un nuovo futuro,

verso una gioia che non si può controllare.

 

Così , come una pianta,

abbarbicata al terreno,

rimani passiva ad aspettare,

che il tempo passando,

faccia forse dimenticare.

Commenta il post

mary 03/02/2012 19:18

Niente può far dimenticare,nemmeno il tempo passando, quello che si conserva nel cuore gelosamente,ciò che che ci ha fatto credere che si poteva avere una vita diversa con un senso.Come si vorrebbe
volere tra le braccia dell'amato,ma quante cose fanno rimenere lì inchiodati ad una vita che non ci appartiene più ma a cui tu appartieni per altri. anche questi bei versi sono il seguito delle
altre poesie, bella e struggente!